Caricamento in corso ...
 
Rosso
Azzurro
Grigio
Verde


L’abbigliamento adatto agli invitati

In ogni cerimonia che si rispetti c’è bisogno dell’abito adatto.
In ciascun matrimonio anche il "seguito" ha la sua importanza. L’abbigliamento degli invitati deve essere adeguato al tono della cerimonia. Se il matrimonio è molto formale, le signore vestono in lungo, mentre gli uomini indossano il tight o comunque un abito molto elegante. Generalmente invece le invitate vestono abiti eleganti con accessori (pochette, cappello, guanti).
E’ bene chiedere alla sposa come si vestirà per il semplice fatto che, se non sceglie il bianco, bisogna evitare la sfumatura del suo abito. Gli altri colori sono tutti permessi (chiari e luminosi per le cerimonie di giorno, più smorzati di sera), compreso il nero, ma abbinato ad accessori colorati. E’ categorico rinunciare a gioielli troppo vistosi, alle gambe nude che sarebbero una caduta di stile, alle trasparenze, che potrebbero risultare volgari.

La madre della sposa dovrà scegliere un abito di classe. Da abolire quindi lo stile giovanile-stravagante, il trucco troppo marcato ed il cappello di stile hollywoodiano. Per lei vanno bene tutti i colori pastello, ma anche il rosso, il bluette ed il color petrolio. E’ perfetto un bel vestito drappeggiato o un tailleur dall’ottimo taglio, rallegrato da un bel cappellino e da accessori di qualità, come scarpe e borsa confezionati con lo stesso tessuto del vestito.

Per gli uomini assolutamente vietato l’abito spezzato (giacca di un colore, pantaloni di un altro). No alle camicie con due taschini, no alle cravatte chiassose e ai papillon, no alla stilografica nel taschino ed ai calzini bianco smagliante. Per rendere ancora più belle le vostre nozze potreste ricorrere all’usanza, particolarmente diffusa nel mondo anglosassone, dei paggetti e delle damigelle.

E’ necessario, trattandosi di bambini, provvedere con una perfetta organizzazione al loro armonioso inserimento all’interno della cerimonia, per evitare imbarazzanti situazioni. Come già detto, il loro numero può variare: da due a più purchè siano di numero pari. Possono essere figli di fratelli o sorelle o amici intimi degli sposi e in età compresa tra i quattro e gli otto anni . Nei matrimoni più formali uno dei paggetti viene scelto come "ring-bearer" ovvero gli viene affidato il cuscino su cui sono appoggiati gli anelli. Egli entrerà in Chiesa precedendo gli sposi, da solo o con una damigella, la "flower-girl" che distribuisce petali sul passetto della chiesa, dove passerà la sposa.

La scelta degli abiti di damigelle e paggetti deve seguire oltre che considerazioni di carattere estetico e di "intonazione" con l’abito della sposa e il tono della cerimonia, anche considerazioni più pratiche: i bambini devono sentirsi a loro agio. Via libera dunque ad abitini morbidi ma non ingombranti nei movimenti, che rischierebbero, soprattutto per le damigelle, di farle incespicare. Sì a scarpe comode: a bebè e con cinturino sono certamente le più indicate per le bambine, in vitello o vernice a seconda dell’abito. Per i maschi scarpe inglesi stringate color cognac o nere.

    Oggi martedì 07/07/2020 ricorre
    S. Claudio martire

    cancro
    Auguri ai nati sotto il segno del cancro